L'eccellenza acquisita nell'ambito della Cooperazione Culturale europea da "Mysteries and Drolls" è stata in grado di attirare l'attenzione del Parlamento Europeo: il 23 maggio, a Bruxelles, grazie all'appassionato e diretto interessamento del Parlamentare europeo Nicola Danti, il progetto avrà la preziosa opportunità di essere presentato al parlamento Europeo, al cospetto di diversi parlamentari europei e di molti esponenti internazionali, negli ambiti della cultura e della cooperazione di tutti i Paesi (Regno Unito, Italia, Polonia, Spagna e Germania) coinvolti nel progetto. Tra di essi si segnalano la Dott.ssa Silvia Costa e il Dott. Luigi Morgano, membri della Commissione Cultura del parlamento Europeo, il Sindaco di Certaldo, capofila del progetto, Sig. Giacomo Cucini, nochè i rappresentanti dei vari partners del progetto. L'importante risultato acquisito, grazie all'impegno di tutti i partners coinvolti, farà sì che Mysteries and Drolls si presenti come eccellente esempio di cooperazione culturale. Il progetto, concepito dal capofila Comune di Certaldo, prevede attività nell'ambito della ricerca, della formazione e sperimentazione di dimensione intercuturale ed europea, sulle forme e linguaggi delle forme teatrali del medioevo e delle forme d'arte dei giullari, mettendo in luce la centralità della rappresentazione sacra e della giullarata, che sono le vere radici di tutti i linguaggi teatrali moderni e che rappresentano un patrimonio comune e condiviso per l'intero continente. Cionondimeno, in considerazione del recente concomitante annuncio della Commissione Europea relativo alla volontà di mantenere Cultura Creativa come un programma autonomo, con un incremento di budget da 1,4 mld di Euro (2014-2020) a 1,8 mld di Euro (2021-2027), la presentazione del progetto sarà un'irripetibile occasione per sottolineare ai MEPs invitati come la cultura possa giocare un ruolo dominante in praticamente tutte le politiche Europee, incoraggiando pertanto tutti gli Stati Membri e il Parlamento Europeo a garantire un sostanziale e sostenibile aumento del budget assegnato alla cultura. Si auspica che la presentazione del progetto possa rappresentare un evento significativo per il futuro del teatro europeo e che la cooperazione culturale promossa dal progetto possa essere riconosciuta dai governi e dalle istituzioni del nostro continente.